Jaguar 2.7d consigli

Ciao amici, clienti, e appassionati Jaguar

dedichiamo questo articolo ad uno dei temi che maggiormente crea panico e preoccupazioni a tutte le persone che posseggono o desidererebbero acquistare una vettura Jaguar con motorizzazione 2.7 V6 Bi Turbo Diesel o per dirla nel peggior termine tecnico utilizzabile, il famoso motore 276DT 7G

Ne abbiamo sentite di tutti i colori riguardo a questi motori, ma cerchiamo di fare chiarezza su quali siano effettivamente le realtà e quali le leggende metropolitane da cui prendere le distanze.

Una cosa vera c’è, ed è ahimè un dato di fatto, i motori Jaguar 2.7d si possono rompere e le casistiche sono altrettanto ahimè un numero considerevole.

Ma perché questi motori si guastano? La colpa in alcuni casi è del proprietario.

Che questi 2.7d Jaguar Land Rover prodotti da PSA non siano dei campioni di affidabilità ormai lo sappiamo, ma nella maggioranza dei casi, le colpe sono dei proprietari, che per noncuranza o semplicemente perché si affidano a quanto detto da casa madre, non eseguono la manutenzione correttamente.

I motori Jaguar 2.7 diesel sono motori che richiedono una manutenzione molto frequente per funzionare correttamente, tutto ciò perché il problema che ne determina il cedimento nel 99% dei casi è causato dal fenomeno ” diluizione olio “.

Cosa vuol dire ? Ebbene il problema di questi motori risiede principalmente solo nel DPF , il maledetto filtro antiparticolato che , utilizzando la vettura su percorsi brevi e principamente cittadini , non riesce a rigenerarsi correttamente , e spegnendo la vettura durante un ciclo di rigenerazione , può far entrare nell’olio motore della nafta bruciata, creando il cosiddetto fenomeno di cui si è dibattuto in svariate situazioni con gli specialisti Inglesi della Engine Oil Dilution Issue.

Come questo in realtà possa accadere nei dettagli è uno pseudo mistero per molti, resta il fatto che è un dato di fatto che accade, e accade purtroppo spesso.

Quindi, senza farsi prendere dal panico, come possiamo evitare tutto ciò ? Una Jaguar 2.7 diesel è la vettura che fa per me o no ? 

La risposta è semplice, se hai intenzione di usare la vettura su percorsi principalmente urbani o abiti in grandi città dove starai più fermo nel traffico che altro, la risposta è no.
Ovviamente parliamo di utilizzo della vettura regolare, non è che se rimaniamo bloccati nel traffico dobbiamo aver paura che salti per aria il motore intendiamoci, ma queste vetture non gradiscono la città e i percorsi brevi.

La nostra raccomandazione, che si è rivelata estremamente efficace negli ultimi anni, riducendo praticamente a zero i casi di rotture motore a tutte le vetture dei nostri clienti a cui abbiamo fornito motori sostitutivi, è il cambio del solo olio e filtro ogni 6 mesi o 8000 km.

Potete storcere il naso, ma è un accorgimento che con pochi soldi vi salva da spese di gran lunga maggiori, e funziona, perché quel motore in realtà è ottimo, anche molto affidabile, ma quello che lo ha condannato a morte è proprio quel sistema legato al DPF che sporca l’olio e fa cedere il motore in basamento.

Inoltre, i motori 2.7 rotti in basamento tendenzialmente si sostituiscono e non si riparano, Jaguar non fornisce e non ha mai fornito né albero motore né bronzine da banco per i motori 2.7 diesel . Tutto ciò che si trova in rete sono componenti non originali di fabbricazione “più o meno sconosciuta” e calcolandone anche i costi vi consigliamo la sostituzione motore, che rimane la soluzione economicamente più favorevole e sicura, in virtù del fatto che d’ora in poi saprete come effettuare la corretta manutenzione per evitare che riaccada in futuro.

 

Posted in Italiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

19 + undici =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.